IL MINISTRO DEL TURISMO SANTANCHÉ INCONTRA LA FEDERALBERGHI

Il neoministro del Turismo, on.le Daniela Santanchè, ha partecipato oggi ai lavori della giunta della Federalberghi, nel corso della quale sono stati affrontati i temi di maggior rilievo per il settore.


Il neo ministro del Turismo, on.le Daniela Santanchè, ha partecipato oggi ai lavori della giunta della Federalberghi, nel corso della quale sono stati affrontati i temi di maggior rilievo per il settore.

Dopo essere stata ricevuta dal presidente della Federazione, Bernabò Bocca, il ministro ha portato un saluto incoraggiante alla categoria che, negli ultimi due anni, sta pagando forse il prezzo più alto riguardo alle conseguenze dovute alla pandemia, al conflitto in Ucraina ed al rialzo vertiginoso dei costi energetici.

“Siamo grati al ministro per aver fatto proprio da noi il suo primo incontro ufficiale con le associazioni di categoria – ha dichiarato Bocca - Tra le mille criticità che abbiamo vissuto ultimamente e che stiamo ancora vivendo a tutti gli effetti, c’è da sottolineare che la presenza delle istituzioni dà grande forza ad un comparto come il nostro che lavora per l’Italia”.

“Ringrazio di cuore il vostro presidente e tutti voi per avermi dato l’occasione di essere presente oggi nell’associazione che racchiude al suo interno l’85% della categoria – ha dichiarato il ministro Santanchè – Io ho una grande ambizione: che tutte le parole che ho sentito sin da piccola riguardo il turismo diventino realtà: un settore che rappresenta il petrolio dell’Italia? Petrolio deve diventarlo davvero. Considerata da sempre la prima azienda del Paese, deve necessariamente recepire davvero investimenti importanti. Quello del turismo è settore produttivo rigenerativo – ha aggiunto il ministro – Dobbiamo essere fieri e capaci di difendere il nostro brand in tutto il mondo con la consapevolezza di essere i più forti. Il made in Italy oggi ci dà un vantaggio incredibile: da una nostra ricerca è emerso che le persone sono disposte a spendere un 20/25% in più per questo. Siamo un ministero virtuoso – ha aggiunto la Santanchè – Gli obiettivi sono stati centrati dal ministro che mi ha preceduto. Oggi siamo in grado di poter chiedere di più e il mio impegno sarà proprio quello di riuscire ad ottenere più fondi possibile per il comparto”.

“Questa è un’occasione importante per far presente al ministro Santanchè le nostre istanze – ha aggiunto il presidente della Federalberghi – L’emergenza per noi oggi si chiama “caro bollette”, un fatto che riguarda tutti, ma in particolare le imprese del ricettivo che sono basate su strutture energivore. Inoltre si fa sempre più sentire la necessità di incentivi per la riqualificazione, di contrasto all’abusivismo. E ancora, dobbiamo far presente l’esigenza di una riduzione della pressione fiscale. Per non parlare del grosso problema della carenza del personale – ha aggiunto Bocca – Le questioni di maggior emergenza sono sotto gli occhi di tutti, ma parlarne assieme, in un contesto di totale collaborazione ed ascolto, non può che premiare l’obiettivo comune caro alla categoria quanto al ministro del Turismo: superare gli ostacoli intervenendo con azioni mirate, per arrivare pronti o sufficientemente in forze ed essere in più possibile competitivi a livello internazionale”.



 Il Ministro del turismo Santanché incontra la Federalberghi.docx

Pubblicato il 15/11/2022






Visualizza comunicati nazionali


CONCESSIONI DEMANIALI - LE IMPRESE TURISTICHE CHIEDONO UN'ATTENZIONE SPECIFICA

Nell’ambito della riforma delle modalità di as...

SIGLATO ACCORDO TRA SCALAPAY E FEDERALBERGHI PER AGEVOLARE I PAGAMENTI

Il progetto di un soggiorno in hotel per la pr...

ACCORDO UNIONCAMERE - FEDERALBERGHI

Accordo tra Unioncamere e Federalberghi per co...

Esercizio dei diritti sociali - scadenza del 28 febbraio 2023

Si ricorda che, ai sensi del comma 6 dell’arti...

Enit - Workshop Crociera Costa Firenze – Sudamerica 2023

Enit – Agenzia Nazionale del Turismo organizza...

Finanziamenti alle imprese - INAIL - pubblicazione bando Isi 2022

È stato pubblicato l’Avviso pubblico di finanz...